Il DUP e le tasse comunali

Nel corso del Consiglio comunale del 14 marzo si è discusso di tante cose. Oggi pubblichiamo le nostre posizioni in merito al Documento Unico di Programmazione e alle varie tasse comunali.

E’ inutile commentare di più, come al solito vi invitiamo a farvi la vostra idea.

Per questo pubblichiamo i testi dei nostri interventi in Consiglio comunale: clicca qui!

In particolare segnaliamo la nostra posizione sulla TARI (tassa rifiuti), per la quale il nostro voto è stato contrario.

“Sulla TARI invece il voto sarà contrario, per la ragione molto semplice che probabilmente avremmo ragionato di più sul votare astensione o a favore, se non ci fosse stato detto che oggi andiamo a votare una riduzione , non andiamo a votare nessuna riduzione, da un lato c’è un rimborso, dall’altro lato non c’è una riduzione perché in sostanza ciò che si va a ridurre, è il costo relativo alla distribuzione dei sacchetti, come ha detto anche il sindaco.

Questo secondo noi è una scelta assolutamente sbagliata, perché da un lato non si può giustificare la riduzione, l’eliminazione di un servizio con il concetto che non siamo sicuri che effettivamente li distribuiscano, li facciamo distribuire, ma anche se fosse, la scelta è profondamente sbagliata per un’altra ragione, che nella migliore delle ipotesi i cittadini anziché vederselo ricevere e pagarlo nella TARI, il kit lo andranno a comprare al commercio, e quindi spenderanno molto di più, non c’è una riduzione, nella peggiore delle ipotesi i cittadini non li vanno a comprare dai privati, dai rivenditori, e quindi faremo una raccolta differenziata meno differenziata, e questo porterà a un costo maggiore.

Non c’è nessuna riduzione per questa semplice ragione e quindi il voto sarà contrario”.